Gli operatori in Italia

Una panoramica sugli operatori del settore sul territorio nazionale

Gli operatori del settore

L’indagine condotta da Cerved in collaborazione con il Gruppo Marazzato ha interessato tutto il territorio nazionale. Sono stati analizzati quasi 500 operatori, individuando criteri quali area geografica, numero di dipendenti, codici ATECO e fatturato.

Elenco operatori italiani

Di seguito l’elenco dei principali operatori italiani del settore ambientale. La tabella può essere filtrata per area geografica, codice Ateco, descrizione, numero dipendenti e fatturato.

ID Denominazione Area geografica Città sede legale Anno di costituzione Fatturato Classe Fatturato Trend Fatturato Anno bilancio Margine Dipendenti Classe Dipendenti Trasporto rifiuti industriali Intermediazione rifiuti industriali Stoccaggio e trattamento rifiuti industriali Gestione rifiuti urbani Spurghi civili e/o industriali Bonifiche ambientali Rimozione amianto Consulenza
578 CICLAT TRASPORTI AMBIENTE SOCIETA' COOPERATIVA Nord-est RAVENNA 2010 159.619.000 100.000 - 250.000 (.000 €) 5.23 2019 3.811.000 65 50 - 99
377 RISORSE AMBIENTE PALERMO S.P.A. Isole PALERMO 2013 140.793.000 100.000 - 250.000 (.000 €) 12.65 2019 9.218.000 1763 >250
378 ECO ERIDANIA SOCIETA' PER AZIONI O, IN FORMA ABBREVIATA ECO ERIDANIA S.P.A. Nord-ovest ARENZANO 1988 125.577.000 100.000 - 250.000 (.000 €) 14.94 2019 10.526.000 786 >250
313 TEKNOSERVICE S.R.L. Nord-ovest PIOSSASCO 2004 102.815.000 100.000 - 250.000 (.000 €) 8.96 2019 2.443.000 1522 >250
42 AMBIENTHESIS S.P.A. Nord-ovest SEGRATE 1990 86.156.000 50.000 - 99.999 (.000 €) 5.16 2019 7.897.000 116 100 - 250
30 SAN GERMANO S.P.A. Nord-ovest TORINO 1985 79.919.000 50.000 - 99.999 (.000 €) 39.22 2019 2.260.000 748 >250
499 TRATTAMENTO RIFIUTI METROPOLITANI S.P.A. SIGLABILE TRM S.P.A. Nord-ovest TORINO 2002 77.919.000 50.000 - 99.999 (.000 €) 0.77 2019 46.245.000 57 50 - 99
322 A2A RECYCLING S.R.L. Nord-ovest NOVATE MILANESE 1986 61.821.000 50.000 - 99.999 (.000 €) 47.25 2019 831.000 138 100 - 250
100 GREEN UP S.R.L. Nord-ovest MILANO 2005 58.634.000 50.000 - 99.999 (.000 €) 20.13 2019 19.288.000 135 100 - 250
2 FURIA S.R.L. Nord-est CAORSO 1980 53.558.000 50.000 - 99.999 (.000 €) 17.56 2019 5.327.000 115 100 - 250
Commenti
Vuoi scrivere un commento? Registrati

Vuoi accedere allo studio completo?

Profilo degli operatori

Sul territorio nazionale, intorno al mondo dei rifiuti gravitano diverse tipologie di servizi: se la maggior parte degli operatori sembra effettuare le attività di stoccaggio e trattamento dei rifiuti speciali, il trasporto e l’intermediazione per la stessa categoria si posizionano subito dopo. Seguono le attività di bonifiche ambientali e degli spurghi civili e industriali. Gli operatori che non possiedono un impianto di trattamento rifiuti sono circa il 40% del campione analizzato, mentre circa il 20% utilizza solo impianti di proprietà per lo smaltimento dei rifiuti speciali gestiti.

Attività svolte

Commenti
Vuoi scrivere un commento? Registrati

Gli impianti utilizzati

Commenti
Vuoi scrivere un commento? Registrati

Totale imprese in target: 71
Fonte: analisi dell’offerta di servizi ambientali per l’industria 2020-21 - Cerved Group

Specializzazione

Per quanto riguarda le specializzazioni degli operatori, possiamo notare la prevalenza di rifiuti solidi sia in percentuale rispetto al totale delle imprese esaminate in target sia per quanto riguarda l’incidenza media sui ricavi.

Totale imprese in target: 71
Fonte: analisi dell’offerta di servizi ambientali per l’industria 2020-21 - Cerved Group

Commenti
Vuoi scrivere un commento? Registrati

Dettaglio per tipologie di rifiuti gestite

Nella tipologia di rifiuto assimilabile nella categoria fanghi, si nota una prevalenza di fanghi pericolosi e non pericolosi da discarica, mentre per quanto riguarda i liquidi la quantità maggiore proviene dalle acque leggere.
Nei solidi, a prevalere sono terre e macerie da discarica non pericolosi, mentre negli assimilabili la categoria più popolosa è quella dei rifiuti misti.

Fanghi

Liquidi

Solidi

Assimilabili

Totale imprese in target: 71, base campionaria contenuta per singola tipologia di rifiuto
Fonte: analisi dell’offerta di servizi ambientali per l’industria 2020-21 - Cerved Group

Commenti
Vuoi scrivere un commento? Registrati

Ambiti territoriali

Per il campione intervistato si è indagato anche l’ambito territoriale di operatività: oltre il 50% delle aziende opera a livello regionale, solo nella propria o anche nelle regioni limitrofe, mentre il 25% opera in tutto il territorio nazionale italiano. Un numero esiguo è in attività anche in territorio estero.

Ambito territoriale per regione

Commenti
Vuoi scrivere un commento? Registrati

Ambito territoriale

Commenti
Vuoi scrivere un commento? Registrati

Totale imprese in target: 71
Fonte: analisi dell’offerta di servizi ambientali per l’industria 2020-21 - Cerved Group

Ricerca e sviluppo

La gestione dei rifiuti industriali può riservare interessanti opportunità per il settore Ricerca & Sviluppo: oggi i temi di circular economy e green economy si stanno facendo spazio anche in settori prima inesplorati. Tuttavia, a oggi, le imprese di gestione e trasporto rifiuti che sono attive nell’ambito R&S sono ancora in minoranza. All’interno delle imprese che hanno invece dichiarato di essere attive nella Ricerca & Sviluppo, la maggior parte collabora con enti di ricerca nazionali o istituzioni internazionali, mentre, in misura minore, altre dispongono di una propria divisione R&D. Solo il 2% degli intervistati dichiara di possedere un brevetto nazionale o internazionale di servizi ambientali per l’industria.

Ricerca & Sviluppo

Commenti
Alberto Marazzato
Direttore Generale Gruppo Marazzato

Rispetto ad altri settori, il mercato dei rifiuti industriali risulta essere ancora poco attivo in Ricerca e Sviluppo nonostante sia un tema molto caldo a livello mondiale. Trovare soluzioni concrete ai problemi di trattamento e smaltimento dei rifiuti industriali, andando anche a modificare i processi con cui vengono prodotti i rifiuti, è la chiave per un futuro sostenibile. Naturalmente risulta complesso e oneroso affrontare questo tema come singola azienda e proprio per questo è fondamentale la costruzione di network che permettano di fare sinergie con altri enti, tra cui ad esempio gli atenei universitari, e aziende, per ottenere risultati migliori integrando le competenze e risorse che un singolo soggetto non ha al suo interno.

Coccolo Aldo
Direttore Associazione Nazionale ASPI - Associazione Nazionale Gestori Rifiuti Manutenzioni e Spurghi reti fognarie e idriche

Lodevole l’iniziativa dell’osservatorio WAstudy per definire il listino prezzi nazionale dei rifiuti speciali, fondamentale per la definizione e la maturità di un mercato regolare e certo, necessario per l’effettivo sviluppo della “Economia circolare” che ci accompagni speditamente verso la “Green Economy”, con il sostegno e gli stimoli delle istituzioni, nell’interesse del settore economico di riferimento e per la tutela della collettività.

GIANANDREA PAVONI
Direttore Vendite Italia VOMM IMPIANTI E PROCESSI SPA

La sfida del prossimo futuro è molto stimolante. Per chi come noi si occupa da sempre di tecnologie di trattamento e recupero di rifiuti e sottoprodotti, i principi dell'economia circolare rappresentano un must su cui costruire e conservare nel tempo presenza sul mercato e credibilità. Anche nel resto del panorama europeo si riscontrano tematiche analoghe, con la differenza che più spesso gli altri paesi europei adottano politiche di maggior protezione e tutela delle aziende nazionali, cosa che spesso l'Italia non fa, pur disponendo di eccellenze in molti ambiti. VOMM si occupa da sempre di essiccamento fanghi ma, più correttamente, si occupa di processi termici continui grazie ai quali vengono conferite ai rifiuti trattati proprietà fisiche e morfologiche idonee ad un loro successivo recupero, sia esso di materia che di energia. Ciò che giova evidenziare in questa sede è che la nostra azienda e, con essa, altre realtà italiane, sono pronte a raccogliere la sfida e a proporre modelli di circolarità di assoluta avanguardia. La sfida del PNRR è solo all'inizio e l'Italia è pronta a raccoglierla.

Vuoi scrivere un commento? Registrati

Ricerca & Sviluppo: Si come

Commenti
Vuoi scrivere un commento? Registrati

Totale imprese in target: 71
Fonte: analisi dell’offerta di servizi ambientali per l’industria 2020-21 - Cerved Group

Ricerca & Sviluppo: titolari di brevetti dei servizi ambientali per l'industria

No, nessun brevetto
93%
Si, nazionali
1%
Si, europei
1%
Nd
4%

WAstudy

Marazzato Soluzioni Ambientali Srl a Socio Unico
P.IVA : 00468910070
© 2022 Gruppo Marazzato